In principio …l’ Oratorio !

Oratorio ! - Cos'è ? Don BoscoIn principio Don Bosco creò l’ Oratorio.
Lo chiamò, per lungo tempo, con una parola semplice e diretta: “catechismo”.

Per il “Santo dei giovani” l’ Oratorio voleva essere il luogo dove i giovani e i ragazzi, spesso lasciati al proprio destino e drammaticamente a rischio, potessero trovare dei PADRI che si prendevano a cuore la “salvezza” dei figli. In un clima di autentica “famiglia”: luogo dove ci si accoglie, ci si stima, ci si difende, ci si aiuta a crescere insieme, ci si ama, ci si perdona, ci si orienta con passione verso gli stessi ideali, considerati vitali ed essenziali.

E quando questa tensione verso le realtà più grandi ed eccellenti trova il livello più alto e riuscito della sua espressione, allora ci si accorge di esserci incontrati con Dio.

Così è la Famiglia. Così è l’Oratorio.

Luogo dove si sperimenta l’Amore.

L’Amore sa accogliere, difendere, far crescere, maturare, rendere felici…

L’Amore porta a perdere se stessi perché gli altri si sentano pieni di vita.

Così è l’ Oratorio.

Come per Don Bosco, è il luogo dove una Comunità cristiana, veramente matura e adulta (è “padre” e “madre”), offre il meglio del proprio impegno per aiutare le nuove generazioni (i propri “figli”) a realizzare, in pienezza e con successo, la propria vita.

Si è “genitori” quando si genera, negli altri, la Vita.

Anche per il nostro territorio di Scandicci, Don Bosco ha regalato agli adulti l’ Oratorio, perché lì, dove i giovani e i ragazzi si affollano per incontrarsi ed esprimere la propria energia vitale, possano trovare vite da generare, da promuovere, da portare a pienezza.

E’ il sogno stesso di Dio.

Il servizio disinteressato e appassionato nella catechesi e nell’oratorio (con le sue variegate espressioni di dinamismo giovanile: sport, teatro, musica, danza, canto, divertimento….) mira allo stesso obiettivo: far sì che i ragazzi e i giovani avvertano la gioia di sentirsi protagonisti dei sogni di Dio.

Ti aspettiamo, passa a trovarci!